Passa ai contenuti principali

Runaway (1984)

I sociologi non sanno dire se in futuro ci sarà più lavoro o meno lavoro. Gli economisti da sempre hanno la soluzione in mano: la tecnologia distrugge sempre più posti di lavoro di quanti nuovi posti di lavoro si vengano a creare anche introducendo innovazioni Kuhniane. 

Veramente ottimo dal punto di vista tecnologico il contesto profetico che è descritto dal film di fantascienza del 1984, che proponeva una SciFi di breve periodo, basata sui progetti della INTELLI-HOME degli anni ottanta. Sfortunatamente il film è sparito dagli schermi televisivi del piccolo schermo, forse proprio perchè il film è illuminante sulla questione robotizzazione & informatica e distruzione di posti di lavoro. E' infatti una caratteristica del sistema economico ad Economia di Mercato, riuscire a fare sempre di più, con meno!.

https://it.wikipedia.org/wiki/Runaway_(film_1984)
Il film è ambientato in un futuro prossimo: il sergente Ramsay, vedovo e con un figlio, è a capo di una squadra speciale destinata a neutralizzare gli effetti dei "robot" difettosi. Nel suo lavoro affronta  varie difficoltà e pericoli, é supportato dalla bella agente Karen Thompson. I "robot" sono diffusissimi nella società: sono negli uffici, nelle campagne e nelle case della gente, ma c'è qualcuno - Charles Luther - che trama nell'ombra, per seminare il terrore e scatenare una serie di delitti. Non solo Ramsay deve lottare contro i "robot" (detti "runaway"), ma anche contro un minuscolo proiettile, un micromissile ideato da Luther che, sparato da una particolare macrorivoltella, insegue e colpisce le vittime predestinate, perché attratto dalla loro fonte di calore. Ramsay ha ingaggiato con Luther un duello mortale, dato che il terrorista gli ha sequestrato il figlio, portandolo con sé al vertice di un edificio. Si ha una lotta finale mozzafiato con l'uccisione di Luther trafitto dai propri robottini, mentre il sergente legherà affettivamente con la sua aiutante Karen Thompson.

L'ottimo film della metà degli anni ottanta, trova dopo 30 anni un'ampia materializzazione nel XXI°secolo!!


  1. E' noto ad esempio che l'informatica e la robotica hanno distrutto e distruggeranno ancora più posti di lavoro di quanti nuovi posti di lavoro ne creeranno gli apparati robotici. Se le combinazioni produttive italiane non riusciranno a ristrutturare i propri processi produttivi restando al passo con l'innovazione di processo, allora le aziende italiane non saranno competitive e chiuderanno (facendo collassare il pil italiano) non essendo capaci d'ottenere economie di scala/dimensione e sufficiente qualità, con costi operativi tali da avere margini di contribuzione atti a generare profitti. Si pensi a cosa è accaduto al settore motociclistico quando è collassato sotto la competizione con i brand giapponesi. Si pensi a cosa è accaduto al settore dell'informatica in Italia nella competizione con USA, Giappone, Sud Korea, Taiwan, tigri asiatiche!. si pensi al settore "Automotive FIAT" costretto a delocalizzare in USA per non estinguersi.
  2. In futuro quindi, i lavori manuali così come noi oggi li conosciamo, saranno attinenti a prestazioni di bassissimo valore aggiunto, per cui gli italiani quanto gli immigrati, se impiegati in tali ambiti manuali non produrranno sufficiente valore da poter essere distribuito alla società.
  3. E' da molti anni che l'Italia ha preso ad importare immigrati, ma il numero di brevetti ed innovazioni in Italia non sono cresciuti, in quanto gli immigrati hanno bassa scolarità e sopratutto la struttura del sistema economico italiano è dimensionalmente troppo piccolo, per riuscire a produrre ricerca e sviluppo applicata. 
  4. Esportare cervelli italiani laureati (il miglior potenziale capace di produrre innovazioni) per importare immigrati semi-analfabeti, è una politica demografica criminogena, perchè l'unica cosa che genererà in futuro in Italia, saranno scontri sociali (aihmè anche con rigurgiti storici d'odi etnici), in quanto mancherà innovazione e valore da poter essere redistribuito nella società italiana, essendo le risorse sempre scarse e suscettibili d'impieghi alternativi e concorrenti.