Passa ai contenuti principali

Progetto Sign, Grudge, Blue Book

Con il termine della WWII, fu chiaro che gli strani oggetti avvistati in Europa e nell'oceano Pacifico, che furono denominati dai piloti "Foo Fighters" non erano espressione della tecnologia nazista o giapponese. Non essendo mezzi Alleati, subito dopo la WWII, appena nacque l'USAF, fu aperto uno studio sul fenomeno delle Flying Saucers.

E.J.Ruppelt -The report on UFO / PDF / Free Download / 1956



Il progetto SIGN fu il primo studio ufficiale del governo statunitense sugli oggetti volanti non identificati, svolto dall'U.S. Air Force tra il 1947 e la fine del 1948. Ufficialmente, il progetto non giunse ad alcuna conclusione sull'origine del fenomeno, scrivendo nel rapporto finale, che: "l'esistenza dei dischi volanti non poteva né essere confermata, né essere smentita". Tuttavia, prima di tale conclusione, la maggior parte dei ricercatori della Commissione sostenne in un rapporto ufficiale non divulgato (chiamato "Stima della Situazione") che in alcuni casi gli UFO erano probabilmente di origine extraterrestre, ma questa ipotesi venne rifiutata dai vertici militari, per mancanza di prove concrete, poi il progetto fu annullato
https://it.wikipedia.org/wiki/Progetto_Sign
http://it.wikiufo.org/index.php?title=Progetto_Sign
D.Keyhoe-the flying saucer are real / PDF / Free Download



Il Progetto GRUDGE, fu un breve progetto realizzato dagli Stati Uniti per investigare sul fenomeno degli oggetti volanti non identificati, il progetto Grudge fu il proseguimento del Progetto Sign, si svolse tra il febbraio 1949 ed il dicembre del 1949.  Il Rapporto Grudge composto da 600 pagine, venne pubblicato nell'Agosto del 1949 concludendo che:

progetto grudge e blue book
A. Non vi erano evidenze che gli oggetti avvistati fossero il risultato di uno sviluppo scientifico più avanzato, quindi non costituivano una minaccia diretta alla sicurezza nazionale. Di conseguenza, si raccomandava che l'investigazione e lo studio dei rapporti dei dischi volanti fosse limitato negli scopi. Il quartier generale dell'AMC, (Air Materials Command), avrebbe continuato ad investigare in funzione delle specifiche tecniche indicate.

B. Tutte le analisi e le evidenze, indicavano che i rapporti di oggetti volanti non identificati erano il risultato di:
1. Errate interpretazione di diversi oggetti convenzionali.
2. Una forma leggera di isteria di massa e di nervosismo.
3. Individui che creavano racconti per perpetrare scherzi o farsi pubblicità.
4. Persone psicopatologiche.
https://it.wikipedia.org/wiki/Progetto_Grudge



Il progetto BLUE BOOK fu l'ultimo di una serie di studi sistematici condotti dall'aeronautica militare statunitense, tra il 1947 e il 1969, sugli avvistamenti UFO nel territorio statunitense, nelle Americhe, in Europa. Lo scopo delle indagini era quello di analizzare scientificamente tutti i dati raccolti dall'aeronautica statunitense e determinare se gli UFO costituissero una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Il progetto BLUE BOOK fu avviato nel 1951, ebbe a concludersi il 17 dicembre 1969 dopo aver indagato 12618 casi di avvistamento; di questi 701 (poco più del 5%) rimasero classificati come "non identificati". La decisione d'interrompere il progetto maturò dopo alla pubblicazione del rapporto conclusivo (intitolato "Scientific Study of Unidentified Flying Objects", alias Rapporto Condon) condotto tra il 1966 e il 1968 dall'Università del Colorado sotto la direzione del fisico nucleare statunitense Edward Condon. Il rapporto Condon aveva concluso che 21 anni di studi sugli UFO non avevano prodotto nulla di rilevante dal punto di vista scientifico.

estratto del BLUE BOOK
Le conclusioni dell'USAF al termine del Progetto Blue Book furono che gli UFO non costituivano una minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti e che gli avvistamenti classificati come "non identificati" non mostravano né alcuna evidenza di sviluppo tecnologico e principi sconosciuti alla scienza moderna, né prova di essere veicoli extraterrestri.
https://it.wikipedia.org/wiki/Progetto_Blue_Book

Ampie e profonde furono le critiche che il professor J.A.Hynek circa lo scarso rigore scientifico applicato dai ricercatori del blue book, nonché le molte critiche al rapporto Condon, che fu giudicato, in poche parole un "cover up".
https://it.wikipedia.org/wiki/Josef_Allen_Hynek
http://www.fcoiaa.it/tag/australian-files/