Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2018

The multiplication of threats: Climate Change & the risks to National Security

Traduzione in italiano, per gli utenti italiani non dotati di skills linguistici in inglese, della conferenza online di YouTube denominata: The multiplication of threats: Climate Change & the risks to National Security

La lunga conferenza del 2014, inizia entrando nel vivo della discussione solo dal minuto 16':02" onde bypassare i soliti dati di climate change, ormai noti anche ai sassi.
La pressione esercitata dai cambiamenti climatici, influenzerà la competizione per le risorse, creando ulteriori oneri sulle economie, società, istituzioni mondiali intorno al mondo.  Accelerazione d'instabilità nel mondo, moltiplicatore di minacce, nuovi punti caldi d'instabilità. Ad esempio:le Filippine a rischio di tifoni con un governo poco stabile e che in passato hanno avuto il sostegno di 30000marines per portare il soccorso umanitario al paese colpito da un tifone. Ad esempio:il Bangladesh un paese da 163milioni di abitanti di cui oggi già 5milioni di persone stanno soffrend…

Robert Pape VS John Mearsheimer (parte 3)

Robert Pape - Geopolitics and Beyond, Beijing November 2nd, 2013


Mearsheimer ha illustrato le ragioni per cui in futuro ci sarà una WWIII tra Cina VS USA e non è l'unico a ritenerlo. Non predice un'unica guerra ma piuttosto una serie di crisi la sicurezza in Asia, oltre alla a guerre tra proxies e la possibilità anche di uno scontro diretto tra USA vs Cina. Ma l'opinione di Pape è poichè sia Cina che USA hanno armamenti nucleari, questi sistemi d'arma saranno ignorati gli scontri saranno tutt'al più di tipo convenzionale come in un'era pre-nucleare. La visione di Mearsheimer è troppo pessimistica anche se è vero che il mondo internazionale è anarchico così come è vero che la necessità di sopravvivenza di uno stato è il primo motivo di guerra. Tuttavia, vivendo in un'era nucleare, gli armamenti nucleari cambieranno come hanno cambiato nella guerra fredda, la gestione dei conflitti. In primis gli armamenti nucleari cambiano gli obiettivi degli stati. In un…

NATO, Climate Change, and International Security

Esiste un testo gratuito, in PDF, stampato nel 2016 disponibile presso il sito della RAND, in cui si trattano gli effetti nel mediterraneo, della bomba demografica africana e del Climate Change.

Del testo ne ho copincollato un estratto, mettendo a confronto i suoi vari contenuti, con le posizioni asperse da noti esponenti politici cattocomunisti, sul tema Migrazioni di massa e Stati senza confini VScontrollo delle frontiere europee con respingimenti assistiti e rischi per la sicurezza internazionale dalle migrazioni di massa (rischi sistematicamente negati dai cattocomunisti, ma di cui la NATO ne riconosce gli impatti militari già dal 2030).


NATO, Climate Change, and International Security / PDF
Chapter 3/ Foresight Efforts, the future of the security environment: Hazards and instability situations 

The security risks of climate change identified by SFA group workshop included:
DRIVER: Climate Change. (pag.53)
Extreme weather events increase in frequency and intensity. Increased occurrenc…

Robert Pape VS John Mearsheimer (parte 2)

John Mearsheimer - Geopolitics and Beyond, Beijing November 2nd, 2013
La questione di Mearsheimer è sintetizzabile nella domanda: può la Cina crescere e potenziare la sua influenza in modo pacifico?! Per rispondere a questa domanda occorre una teoria, perchè il futuro non ha ancora prodotto fatti e l'unico modo intelligente per pensare al futuro è con una teoria razionale e coerente. La teoria di Mearsheimer predice che la Cina non potrà espandersi e crescere in modo pacifico in Asia.

Gli argomenti di Mearsheimer non hanno niente a che fare con argomentazioni sulla cultura cinese, ma le sue tesi derivano dal passato e dall'attuale distribuzione del potere nei rapporti internazionali; in un sistema mondiale che è anarchico dove non esiste un governo mondiale, supportato da un esercito planetario che mantenga l'ordine tra le nazioni. In un contesto simile, la migliore politica è quella di essere potenti economicamente e con solido hard power militare: così se si sarà attacca…